Villa Adriana: Fasti e Splendori

Appuntamento

Area archeologica di Villa Adriana

Quota di partecipazione:

30 euro (biglietto incluso)

Durata 2,30H

Contatti

3487704963
passeggiandoconsilvia@gmail.com

Villa Adriana è una delle più suggestive residenze imperiali romane: incorniciata da un contesto ameno e bucolico, le sue rovine ci affascinano, testimoni della gloria di Roma e della personalità del loro illustre architetto, l’imperatore Adriano. Costruita tra il 118 e il 138 d.C., la villa si trova a pochi chilometri dalla città di Tivoli, in una zona ricca di acque, e si estende su un basso pianoro tufaceo di notevole vastità. Il complesso doveva ricoprire un area di quasi 200 ettari, le dimensioni di una città grande più del doppio di Pompei, e sorgeva in parte sulle strutture di una precedente villa repubblicana, che Adriano restaurò e inglobò pienamente nel progetto. Nel suo insieme Villa Adriana si configura come un ricco complesso di edifici eterogenei: gli ambienti residenziali, dai più sontuosi destinati alla famiglia imperiale fino ai dormitori per il personale; gli edifici di rappresentanza, come i triclini scenografici; ninfei e coreografici giochi d’acqua; le lussuose terme e gli edifici per gli spettacoli. Il Palazzo Imperiale vero e proprio ricopriva una superficie piuttosto vasta, e si articolava con il Padiglione estivo, il Palazzo d’Inverno, l’Eliocamino e il Teatro Marittimo, uno dei luoghi più sorprendenti ed evocativi dell’intero complesso. Nei pressi del Palazzo Imperiale sorgevano gli Hospitalia, alloggi confortevoli di tipo quasi alberghiero, destinati ai personaggi di alto rango, mentre dormitori più semplici per il personale di servizio occupavano altre aree del complesso.

Precedente
Successivo

A Villa Adriana sopravvivono la complessità e la potenzialità dell’architettura greco-romana, e vi si ammira ancora oggi la creatività sperimentale del suo ideatore, divenendo nel tempo un modello imprescindibile dell’estetica architettonica barocca. Le architetture di Villa Adriana sono direttamente ispirate a quei luoghi lontani ed esotici che l’imperatore ebbe modo di ammirare e apprezzare nel corso dei suoi viaggi politici. Ne è un esempio il Canopo, l’edificio organizzato intorno al lungo canale d’acqua, utilizzato come grandiosa coenatio estiva, richiamo dell’omonimo porto egiziano a oriente di Alessandria, famoso per i banchetti che vi si organizzavano e dedicati al culto dionisiaco. Il Pecile invece, il monumentale quadripartito di accesso al complesso, è direttamente ispirato alla Stoà Poikile di Atene. Ma l’ambiente più sorprendente fra tutti, che da sempre affascina e stupisce, è il Teatro Marittimo. Si tratta in realtà di un raffinato ed elegante padiglione porticato, circondato da un canale, al centro del quale si erge un’isola artificiale, accessibile attraverso due ponticelli mobili in legno. Si trattava di un esclusivo e privato ambiente residenziale, l’appartamento più intimo di Adriano, ove l’imperatore poteva rifugiarsi ed isolarsi, magari con una gradita e intima compagnia. La privatezza era acuita dal fatto che i ponti levatoi erano manovrabili unicamente dall’interno dell’appartamento: quando desiderava, Adriano si poteva appartare in questi ambienti, isolato e lontano dai rumori della corte. La visita guidata permetterà di scoprire i diversi ambienti di questa suggestiva residenza imperiale. In un contesto archeologico straordinariamente ricco, sarà possibile ricostruire la vita che l’imperatore e la corte qui conducevano.

Itinerario

Villa Adriana, Pecile, Teatro Marittimo, Canopo, Sala dei Sette filosofi, Palazzo Imperiale, Eliocamino, Piccole Terme, Grandi Terme, Rocca Bruna, Hospitalia, Cento Camerelle.

Accessibilità

La passeggiata non è accessibile per le persone con problemi di mobilità. In caso di maltempo, ogni annullamento o variazione verrà prontamente comunicata ad ogni partecipante.

CONDIVIDI QUESTA PAGINA
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter