La Centrale Montemartini: antico e archeologia industriale

Previous slide
Next slide

Appuntamento

Via Ostiense 106

Orologio KIDS

Durata

1 ora 30 min.

La Centrale Montemartini, secondo polo espositivo dei Musei Capitolini, è uno
straordinario esempio di riconversione in sede museale di un edificio di archeologia industriale. La Centrale Montemartini è stata infatti il primo impianto pubblico di produzione di elettricità a Roma, sorto agli inizi del 1900 sulla Via Ostiense, tra i Mercati Generali e la sponda sinistra del Tevere.
Inaugurata nel 1912 per volontà del sindaco Ernesto Nathan (1845-1921) e
intitolata già dall’anno successivo alla memoria dell’Assessore al Tecnologico, professor Giovanni Montemartini, la Centrale garantì l’illuminazione pubblica a Roma fino al 1963. Dopo decenni di abbandono e degrado, nel 1997 Acea si fece promotrice di uno straordinario progetto di recupero, che trasformò l’antica centrale termoelettrica in un suggestivo museo archeologico. La Centrale Montemartini è un esempio originale e riuscitissimo di incontro e dialogo tra passato remoto e passato prossimo. La bellezza eterea dei capolavori di scultura classica si intreccia con i reperti di archeologia industriale, i motori diesel e le turbine a vapore, solitari testimoniano del sofisticato funzionamento di questo grandioso complesso sospeso nel tempo. La visita guidata ci condurrà alla scoperta di questo museo unico nel suo genere, dove antico e moderno, arte e industria, si sveleranno essere due facce della stessa medaglia.

Itinerario

Centrale Montemartini

Accessibilità

La passeggiata è accessibile per le persone con problemi di mobilità, previa comunicazione. In caso di maltempo, ogni annullamento o variazione verrà prontamente comunicata ad ogni partecipante.

Invia via WhatsApp
error: Contenuto protetto da copyright.