Il Mausoleo di Augusto – ore 10:30

Il Mausoleo di Augusto è il più grande sepolcro circolare del mondo antico, dal diametro complessivo di quasi 90 metri (300 piedi romani), con un’altezza presunta di almeno 45 metri. La gigantesca mole, che quasi uguagliava la vetta del vicino Pincio, era strategicamente collocata in prossimità della riva del Tevere, in modo da essere visibile da gran parte della città, e svettava al centro dell’antico Campo Marzio romano, oggi area diffusamente urbanizzata, ma al tempo poco abitata, a causa del progressivo impaludamento  del terreno, causato dalle frequenti inondazioni del Tevere.

Ottaviano Augusto collocò la costruzione del suo Mausoleo al centro di un più ampio progetto di riqualificazione urbanistica dell’area, avviata dopo la Battaglia di Azio del 29 a.C., che portò all’edificazione di alcuni dei più importanti monumenti della classicità: l’Aqua Virgo, il Pantheon, le Terme agrippine, la Basilica di Nettuno, la Meridiana, l’Ara Pacis. Il Mausoleo si inseriva in questa compagine architettonica, pur essendo, rispetto agli altri edifici, un monumento privato, ovvero il sepolcro ufficiale della famiglia imperiale.

Il Mausoleo di Augusto, che oggi si presenta isolato al centro di Piazza Augusto Imperatore, secondo una sistemazione degli anni 30, aveva una struttura centrale, intorno alla quale si disponevano una serie di muri anulari concentrici, che si organizzavano intorno ad un grandioso pilastro cilindrico di 9 metri di diametro, sostegno della statua di bronzo che si ergeva in cima al monumento. All’interno di questa struttura venne organizzata la camera sepolcrale vera e propria.

Ciò che resta dell’edificio rende difficile immaginare come dovesse essere in origine, soprattutto a causa delle molteplici trasformazioni che si avvicendarono nei secoli, rendendolo fortilizio Colonna prima, Teatro Correa poi, ed infine Auditorium, fiore all’occhiello della musica lirica a Roma, finché in epoca fascista si avviò il progetto di isolamento del monumento dalle compagini architettoniche che vi si erano addossare. L’esito finale fu altamente deludente: il Mausoleo si presentava come un ridere isolato e decadente, spoglio di ogni decorazione di marmo, al centro della nuova Roma degli anni Trenta, e il suo aspetto diroccato gli valsero l’epiteto di “dente cariato”.

Dopo un restauro di 14 anni, oggi il Mausoleo di Augusto è nuovamente fruibile.

La visita guidata ci condurrà nei diversi ambienti superstiti del Mausoleo, emblema del passaggio dalla Roma repubblicana a quella imperiale, ricostruendone le alterne trasformazioni storiche e contestualizzandolo negli intricati giochi di potere della Roma di I secolo: tradimenti e alleanze politiche, che tessero le fila della Propaganda Augustea e dell’affermazione di Gaio Ottavio, con il quale nacque ufficialmente l’Impero Romano.

Un gioiello del patrimonio storico dell’umanità finalmente restituito al pubblico.

Itinerario: il Mausoleo di Augusto

Accessibilità: la passeggiata è parzialmente accessibile per le persone con problemi di mobilità.

In caso di maltempo, ogni annullamento o variazione verrà prontamente comunicata ad ogni partecipante.

CONDIVIDI QUESTA PAGINA
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
  • 00

    giorni

  • 00

    ore

  • 00

    minuti

  • 00

    secondi

Data

Dic 05 2021

Ora

10:30 - 11:45

Costo

20.00

Luogo

Roma
Categoria
Silvia Tofoni

Organizzatore

Silvia Tofoni
Telefono
+39 348 770 4963

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da copyright.