La Domus Aurea

Descrizione

La Domus Aurea è uno dei complessi architettonici più straordinari dell’antichità, un unicum in termini di estensione (60 ettari) e lussuosità decorativa che, non a caso, ne determinò l’appellativo di Casa Dorata.

Maestosa residenza dell’imperatore Nerone, la Domus Aurea era caratterizzata da un complesso eterogeneo di edifici che si estendeva sulle alture dei colli Palatino ed Esquilino, lungo le pendici del Celio e nella vasta valle compresa tra questi colli: padiglioni, ninfei, orti demandati alla coltivazione, ampie aree boschive, nuclei residenziali, dislocati su una superficie talmente estesa che romani percepivano il complesso come “una città nella città”.

Il progetto venne avviato dopo il grande incendio del 64 d.C., sfruttando le ampie aree resesi disponibili a seguito del devastante rogo, e si configurò come ampliamento del primo ambizioso progetto di costruire un vasto complesso residenziale, ribattezzato Domus Transitoria, con l’obiettivo di collegare il nucleo degli edifici imperiali del Palatino e i possedimenti del demanio imperiale sull’Esquilino.

La damnatio memorie che condannò Nerone all’oblio dei secoli segnò ineluttabilmente anche il destino del complesso, che poco a poco sparì sotto la costruzione di nuovi maestosi edifici: dall’Anfiteatro Flavio nel sito dell’antico stagnum Neronis, alle terme di Traiano sopra il nucleo del Colle Oppio.

Ed è proprio il padiglione sul Colle Oppio, che viene abitualmente identificato oggi con l’intera Domus Aurea, il più importante nucleo conservatosi: l’architetto Apollodoro di Damasco lo sfruttò, infatti, come sostruzione artificiale delle grandiose Terme volute e inaugurate da Traiano nel 109. Sepolto e occultato, il padiglione deve quindi la sua conservazione proprio alle trasformazioni traianee, ma al suo interno nulla o quasi si conserva dei meravigliosi rivestimenti parietali e pavimentali in lastre di marmi policromi, che furono completamente rimossi dalle maestranze di Traiano prima che le sale venissero riempite di terra.

La riscoperta della Domus Aurea avviene a distanza di secoli, quando, alla fine del Quattrocento, artisti e antiquari s’imbattono, inizialmente quasi per caso, negli ambienti, ormai sotterranei (grotte), della reggia di Nerone e vengono attratti dalle ricche decorazioni miracolosamente conservate, da cui traggono ispirazioni che daranno origine al fortunato genere delle “grottesche”, celebrato negli affreschi del Pinturicchio e di Raffaello, le cui firme graffite o tracciate a nerofumo sulle pareti della Domus testimoniano ancora oggi il ricordo della visita.

La Domus Aurea resta ancora oggi un complesso archeologico suggestivo e ricco di fascino evocativo.

La visita guidata ci condurrà alla scoperta dello straordinario padiglione orientale, attraverso gli ambienti sopravvissuti, riscoprendone tutta la maestosità.

Info utili

Itinerario: la Domus Aurea e gli ambienti del padiglione di Colle Oppio

Accessibilità: la passeggiata è parzialmente accessibile per le persone con problemi di mobilità.

Prenotazioni

+39 3487704963 (anche Whatsapp)

passeggiandoconsilvia@gmail.com

CONDIVIDI QUESTA PAGINA
Share on Whatsapp
Whatsapp
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter

Data

Mar 26 2022
Expired!

Ora

10:00 - 23:30

Ora locale

  • Fuso orario: America/Los_Angeles
  • Data: Mar 26 2022
  • Ora: 3:00 - 16:30

Costo

$32.00

Luogo

Metro Colosseo
Categoria
Silvia Tofoni

Organizzatore

Silvia Tofoni
Telefono
+39 348 770 4963

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto da copyright.