Borgo Pio e la grande
Roma dei Papi

Appuntamento

Ponte Sant’Angelo

Quota di partecipazione:
Intero – 13 €

Durata 1,30H

Contatti

3487704963
 passeggiandoconsilvia@gmail.com
C’è la Roma degli imperatori e la Roma dei papi, e questo dualismo solo apparentemente contraddittorio è più che mai palese a rione Borgo, emblema dell’antica città papalina, con le sue meraviglie e le sue contraddizioni. 
Sorto alle pendici del colle, l’antico Ager Vaticanus romano era un susseguirsi di rigogliosi giardini e lussuose ville suburbane, tra cui spiccavano gli Horti di Agrippina, madre dell’imperatore Caligola, e per l’abbondanza di terreni non ancora urbanizzati Adriano vi costruì il proprio grandioso Mausoleo, oggi noto come Castel Sant’Angelo, la cui mole massiccia domina le sponde del Tevere, riflettendosi da secoli nelle sue acque.
Da baluardo della classicità, Borgo divenne ben presto cuore pulsante della cristianità, quando l’imperatore Costantino avviò la costruzione della Basilica di San Pietro, sorta nel luogo dove, secondo la tradizione, l’apostolo venne crocifisso, e i papi, all’indomani della Cattività Avignosese, abbandonarono il vetusto Palazzo del Laterano per trasferire la propria residenza negli Appartamenti Vaticani. 
Ma la vita popolare di Borgo si articolava tra botteghe, vicoli e piccole case a tinte pastello protese verso il fiume, e i “borghi” del rione si animavano di fedeli e pellegrini provenienti da tutta Europa, il cui afflusso, sempre più consistente, portò alla nascita delle cosiddette Scholae.
“Il papato non è altro che il fantasma del defunto Impero romano”. Thomas Hobbes
 
Ma la vita popolare di Borgo si articolava tra botteghe, vicoli e piccole case a tinte pastello protese verso il fiume, e i “borghi” del rione si animavano di fedeli e pellegrini provenienti da tutta Europa, il cui afflusso sempre più consistente portò alla nascita delle cosiddette “scholae” che, gravitanti attorno ad una chiesa nazionale, offrivano assistenza e ospitalità ai pellegrini concittadini in visita a Roma. Queste colonie straniere erano un insieme di piccoli borghi, noti con il termine di “burg”, da cui trae origine il toponimo moderno del rione, l’unico a non avere origine latina.
Borgo era dunque una città nella città, la cui storia passava sottovoce rispetto alla luce e ai fasti del Vaticano.
La passeggiata ripercorrerà le antiche strade del rione e la sua storia nei secoli: partendo da Ponte Sant’Angelo, ne ricostruiremo il passato romano fino alla fondazione di Città del Vaticano. La cavalcata su Roma, Mastro Titta, il Passetto, la vita a Borgo Pio, Castel Sant’Angelo, saranno solo alcuni degli argomenti che affronteremo, passeggiando fino alla maestosa Basilica di San Pietro. 

Itinerario

Ponte Sant’Angelo, Castel Sant’Angelo (esterno), Borgo Pio, Borgo Sant’Angelo, il Passetto (esterno), le Mura Leonine, Basilica di San Pietro (esterno), via della Conciliazione
Accessibilità:
la passeggiata è accessibile per le persone con problemi di mobilità
In caso di maltempo, ogni annullamento o variazione verrà prontamente comunicata ad ogni partecipante.

Previous
Next
CONDIVIDI QUESTA PAGINA
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Invia via WhatsApp
error: Contenuto protetto da copyright.